Intrepidi esploratori di prospettive nuove

la-cosa-piu-importante-copertina

Tutto comincia nel bosco di Pratorosso;  gli animali, disegnati insieme sull’unica doppia pagina del libro che non cela sorprese, discutono animatamente; il tema, lo giuro, è  il limite dei processi di assolutizzazione. Elefante, castoro, topolino e anatra si chiedono, in poche parole, se ciò che è contingente possa essere considerato assoluto.

Al gufo, nelle pagine finali, sarà lasciato il compito di dipanare i dubbi e di spiegare che ‘proprio non coincide con ‘migliore’ e che nella differenza c’è la bellezza di quel mondo, chiamato bosco di Pratorosso, dove ognuno ha qualcosa di importante.

la cosa più importante 2

Antonella Abbatiello traduce concetti complessi senza essere mai banale, senza mai cadere nelle trappole del buonismo: l’ironia è la sua arma più potente e nelle pagine ridicolizza la pretesa di stabilire verità assolute costruite su modelli contingenti. Per farlo non usa le parole, non chiede in prestito citazioni di eruditi scienziati. A lei, bastano i disegni.

Arrivano, allora, un elefante con gli aculei, un coccodrillo con una proboscide, una giraffa con i piedi palmati e un maiale verde. Ogni volta che apri la doppia pagina e scopri la parte nascosta  del foglio, ecco che irrompono, puntuali sulla scena, lo stupore e la risata.

L’autrice propone istantanee surreali coniugando ingegno e leggerezza, ritmo e contenuto.  A battere il tempo c’è la parola nemica delle certezze assolute, c’è un magnifico Forse che ti accompagna a esplorare anche le tesi più assurde, per arrivare, alla fine, a quella più auspicabile.

la-cosa-piu-importante_1

Non importa se hai letto il libro decine e decine di volte, se sai cosa ti aspetta dietro il foglio o sai già come andrà a finire, questo libro è una festa per gli occhi e l’intelletto che non ti stancherai di leggere o di ascoltare. Puoi giocare con la voce del coniglio o puoi stare in silenzio a guardare tutti i dettagli delle figure, puoi portare questa storia in un’aula di una scuola dell’infanzia o in quella di un Ateneo: la tua esperienza di lettura sarà ogni volta differente. A non cambiare mai, invece, sarà il tuo affetto per quegli animali, intrepidi esploratori di prospettive nuove. 

La cosa più importante di Antonella Abbatiello, Fatatrac

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...