Per amore delle sopracciglia incurvate e degli occhi spalancati

Sam e Dave scavano una buca di Mac Barnett e Jon Klassen, Terre di mezzo editore

Sam e Dave scavano una buca di Mac Barnett e Jon Klassen, Terre di mezzo editore

Se fossi io a dover attribuire il premio come miglior autore capace di forzare i margini della pagina per far percorrere chilometri ai suoi personaggi credo che lo consegnerei a Jon Klassen. I suoi personaggi si muovono, corrono, nuotano, vanno da una parte all’altra del libro. E di solito quando cambiano direzione hanno sempre un ottimo motivo per farlo. Succede all’orso e al pesce, entrambi fissati con i cappelli (*). Succede a Sam e Dave. Ma tra orso, pesce e bambini c’è una differenza sostanziale. Sam e Dave non percorrono i fogli, loro li scavano. Per i due bambini Klassen non traccia sentieri o correnti marine. Per loro costruisce un labirinto sotterraneo.

Le parole di Mac Barnett si spostano nella pagina in base al tragitto dei bambini. A sinistra, in basso, in mezzo, in cima, in uno spazio piccolissimo lasciato in un buco del terreno, a destra, poi di nuovo a sinistra. Anche loro, come i protagonisti del libro, non stanno ferme e raccontano, nella forma e nel contenuto, la profondità della buca e le deviazioni di percorso.

Sam e Dave sono affiatati. Procedeno insieme, sono una squadra. Avanzano a tentoni. Imparano a vagare. Si disorientano. A muoverli c’è il gusto per la ricerca,  una buona dose di tenacia e la certezza che i biscotti a forma di animali ed il latte al cioccolato siano ingredienti indispensabili per affrontare le missioni difficili.

Sam e Dave scavano una buca di Mac Barnett e Jon Klassen, Terre di mezzo editore

Sam e Dave scavano una buca di Mac Barnett e Jon Klassen, Terre di mezzo editore

Mentre leggi le tue sopracciglia si incurvano, i tuoi occhi si spalancano. È stato Klassen a disegnare sulla tua faccia quell’espressione di sorpresa: la figura ti dice qualcosa che le parole non hanno detto. Tu leggi e hai già visto qualcosa che a (quasi) tutti i protagonisti della storia sfugge.
Tu leggi e sorridi. E speri che il cane dia il colpo di zampa decisivo, quello che permetterà ai bambini di trovare  qualcosa di spettacolare. Invece, no. Sam e Dave devono ancora scavare e percorrere in lungo e largo il loro labirinto prima della sorpresa finale.

Ovviamente per amore delle sopracciglia incurvate e degli occhi spalancati non diremo nulla di più. Quello che ci resta è la certezza che i tre sono partiti un lunedì in cerca di qualcosa di spettacolare. Hanno macinato chilometri di terreno. Esausti, sporchi di terra, sono arrivati. Il punto, adesso, è solo capire dove.

Sam e Dave scavano una buca di Mac Barnett e Jon Klassen, Terre di mezzo editore

Sam e Dave scavano una buca di Mac Barnett e Jon Klassen, Terre di mezzo editore

‘Sam e Dave scavano una buca’ di Mac Barnett e Jon Klassen, Terre di mezzo editore, 2015

(*) ci stiamo riferendo ai due libri di Jon Klassen ‘Voglio il mio cappello!’  Zoolibri, 2012 e  ‘Questo non è il mio cappello’ , Zoolibri, 2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...