Impossibile ma verosimile

Abbaia, George di Jules Feiffer, Salani

Abbaia, George di Jules Feiffer, Salani

Una mattina George, il cane, interrogato dalla madre, non riusciva a risponderle in modo opportuno.

Di ‘Abbaia, George’ non si dovrebbe dire altro. È un libro costruito su un fatto impossibile, almeno fino al momento in cui non te lo ritrovi scritto e disegnato sulle pagine. Quando leggi, tutta la situazione diventa allegramente verosimile.
Anticiparla è da guastafeste, significherebbe rovinare il gusto della sorpresa a quanti si apprestano a fare la conoscenza di George, di sua madre, del gatto, della papera, del maiale e della mucca, e poi, naturalmente, del veterinario e degli altri passanti.

Abbaia, George di Jules Feiffer, Salani

Abbaia, George di Jules Feiffer, Salani

L’illogicità della storia è costruita con una struttura narrativa coerente, semplice ed essenziale. Le pagine come sequenze ben definite. Il posto di George nella pagina è sempre lo stesso. Lui se ne sta in basso a destra,  mentre tutto il resto si muove e si agita intorno a lui. Tinte piatte e colori pastello sugli sfondi. Nessun elemento di contesto, se non fosse per uno sgabello. Utile per sedersi, certo, ma anche per raccontare della faticosa impresa compiuta dal veterinario.

Sulle pagine sono sempre presenti i protagonisti della disavventura, con le loro espressioni desolate, disperate, incredule, dubbiose, tormentate, sconfortate, sfiancate, felici. Tutte, ugualmente spassose.

Leggi, ridi e stai al gioco, anche quando si trova l’artificio per disfare l’assurdo di tutta questa buffa storia. Proprio quando sembra finalmente giunto il momento di ristabilire la normalità, ecco che torna la matita di Jules Feiffer a spiazzarti.

Ed è proprio in quegli attimi che devi alzare lo sguardo dalla pagina e fissare quelli che, mentre tu leggi, sono intorno ad ascoltare. Perché, è in quel preciso momento, che vedi il panico negli occhi dei più piccoli. Un istante, e poi una fragorosa risata. Fantastico. Succede ogni volta. Anche se sai già come va a finire. Anche se sembra impossibile.

‘Abbaia, George’ di Jules Feiffer, Salani Editore, 2010

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...